Bullismo e Cyberbullismo


BULLISMO

È il comportamento che contiene tutti e tre questi elementi:

a) Atti persecutori ricorrenti e ripetuti nel tempo che possono essere diretti (come, ad esempio, spinte, calci, etc.) oppure indiretti (come, ad esempio, esclusione dal gruppo, calunnie, prese in giro, etc.);

b) luoghi fisici specifici (come la Scuola) oppure VIRTUALI (via computer on line);

c) Presenza della vittima che subisce l’abuso e non riesce a reagire.

CYBERBULLISMO

Per «cyberbullismo» si intende qualunque forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, furto d’identità, alterazione, acquisizione illecita, manipolazione, trattamento illecito di dati personali in danno di minorenni, realizzata per via telematica,nonché la diffusione di contenuti online aventi ad oggetto anche, uno o più componenti della famiglia del minore il cui scopo intenzionale e predominante sia quello di isolare un minore o, un gruppo di minori ponendo in atto un serio abuso, un attacco dannoso, o la loro messa in ridicolo.